Maledizioni, Misteri / gennaio 27, 2017

10 maledizioni che hanno fatto storia

Ciao ragazzi, oggi vi parlerò di 10 maledizioni che hanno fatto storia.

Tempo fa vi parlai della maledizione legata a diversi oggetti e bambole che, a detta di molti, racchiudono un potere oscuro. Oggi concentrerò la mia attenzione invece su maledizioni che non sono necessariamente legate ad un oggetto in particolare, ma così famose che sono state in grado di far parlare di se per moltissimo tempo, in certi casi addirittura secoli.

Certo, il buonsenso ci dice che le maledizioni non esistono, che sono semplicemente una serie di sfortunate coincidenze, ma quando queste coincidenze si presentano con eccessiva frequenza, ecco che la teoria della maledizione sorge quasi spontanea e prolifera nella coscienza collettiva.

Senza ulteriori indugi vi presento:

Le 10 maledizioni più famose della storia

LA MALEDIZIONE DI TUTANKHAMON

Nel mese di Novembre del 1922, l’archeologo inglese Howard Carter scoprì una tomba risalente al XIV secolo avanti Cristo, appartenente al famoso faraone Tutankhamon; un tesoro egizio rimasto inalterato durante secoli. In questione di pochi mesi, un buon numero di uomini che erano stati involucrati nella scavazione iniziarono a morire in strane circostanze: febbre fulminante, avvelenamento, omicidio e suicidio.

In breve si iniziò a parlare di una maledizione che la mummia avrebbe gettato su tutte le persone che avevano osato profanare la sua tomba. Secondo un’altra teoria, fu il famoso occultista Britannico Aleister Crowley che avrebbe organizzato la messinscena della maledizione, per vendicarsi di coloro che avevano turbato il sonno del re bambino.
Certo, c’è da dire che nel momento in cui la tomba venne aperta ben 58 persone erano presenti, e molti di loro uscirono illesi dall’esperienza. Quindi, forse parlare di maledizione è esagerato, ma le morti connesse a questa scoperta sono reali e ben documentate.

LA MALEDIZIONE DI TIMUR

Timur era un famoso leader Turco che nel XIV secolo si rese responsabile della morte di circa 17 milioni di persone, il 5% della popolazione mondiale in quell’epoca. La sua crudeltà rimase ben nota anche dopo la morte; sulla sua tomba infatti fece scrivere le seguenti parole: “Quando ritornerò dal mondo dei morti, il mondo tremerà”.
Nel mese di Giugno del 1941 l’antropologo sovietico Gerasimov, ignorando qualsiasi tipo di superstizione, decise di scavare proprio nel luogo della sua sepoltura e prelevò il suo cranio dalla tomba. Due giorni dopo, la Germania invase l’Unione Sovietica. Milioni di persone morirono a causa dell’attacco.

Nel 1942, il leader Turco venne sepolto nuovamente con un rito Islamico completo, poco tempo prima della vittoria dei Sovietici nella battaglia di Stalingrado. Una semplice coincidenza?

LA MALEDIZIONE DI TECUMSEH

Nel 1931 una famosa rivista Statunitense segnalò delle strane coincidenze legate alla morte di un buon numero di presidenti degli Stati Uniti. Approfondendo le indagini, si arrivò a formulare l’ipotesi che i presidenti eletti, o rieletti, in anni divisibili per 20, o che terminavano con un 0, erano tutti morti durante il loro mandato.

Abraham Lincoln, James Garfield e McKinley erano stati assassinati. William Harrison morì di polmonite e Warren Harding a causa di un’emorragia celebrale. La situazione non migliorò a partire dal 1931, con la morte di Roosevelt e l’omicidio di Kennedy.

Ma da dove proveniva questa maledizione? Sembra proprio che il leader della tribù Shawnee, che lottò contro gli uomini del presidente Harrison nel 1811, lanciò la maledizione su di lui e tutti i futuri presidenti della Casa Bianca. Una vendetta che avrebbe perdurato nel corso dei secoli.

LA MALEDIZIONE KENNEDY

Questa, insieme a quella di Tutankhamon, è forse una delle maledizioni più famose della storia. La famiglia Kennedy è conosciuta in tutto il mondo non solo per la sua ricchezza, e potenza, ma anche per numerose tragedie che l’hanno segnata nel corso degli anni.

John Fitzgerald Kennedy e suo fratello Bobby furono assassinati; Rosemary Kennedy fu sottoposta a una lobotomia, Ted Kennedy fu responsabile dell’incidente che uccise sua moglie, e altri quattro membri della famiglia morirono in incidenti aerei. Negli ultimi anni la situazione per i Kennedy ha migliorato, ma la maledizione è scomparsa definitivamente o si è presa solo una pausa?

LA MALEDIZIONE DEI ROMANOV

Anche la famiglia Romanov, che governò la Russia dal 1613 fino alla rivoluzione di Febbraio nel 1917, fu protagonista di un numero inusuale di disgrazie e tragedie, che la segnarono profondamente e fecero nascere l’idea che fosse in qualche modo maledetta.

Chi crede alla maledizione cita più di 280 decessi in strane, o sfortunate circostanze. Nicola II, figlio unico di Alexei Nikolaevich, nacque con emofilia, una malattia ereditaria che si estese tra i membri delle famiglie reali di tutta Europa.

Una maledizione quindi che non colpì unicamente i Romanov, ma venne estesa anche al di fuori della cerchia famigliare.

LA MALEDIZIONE DELLA MUMMIA ÖTZI

Questa è sicuramente una delle maledizioni più recenti, tra quelle esaminate fino a ora; però la sua storia merita di essere raccontata.

Ötzi fu scoperto al confine tra Austria e Italia nel 1991, dove rimase congelato nella neve per più di 5000 anni. Da quel momento, i teorici della cospirazione hanno affermato che sette persone correlate alla scoperta della mummia sono rimaste vittime di una morte repentina in strane circostanze, tra i quali si contano il suo scopritore Helmut Simon, e la persona che la analizzò per la prima volta, Konrad Spindler.

Certo, c’è da dire che dal momento della sua scoperta centinaia di persone sono state involucrate nello studio di Ötzi; quindi, la morte di un certo numero di persone correlate alla stessa non sembra una giustificazione valida per parlare di maledizione. Tuttavia, le strane circostanze che hanno portato alla morte di quelle sette persone in questi ultimi 20 anni potrebbero far sorgere il dubbio. Attualmente Ötzi si trova esposta nel museo archeologico di Bolzano, la mia città d’origine; quindi, non poteva mancare in questa classifica.

IL DIAMANTE DELLA SPERANZA

Pensare di essere i proprietari di un diamante dal valore di più di 250 milioni di dollari dovrebbe farci contenti; se pensiamo però che il diamante potrebbe essere il responsabile di una maledizione, forse ce ne sentiremmo meno attratti.

Il diamante della speranza ha una storia terribile alle sue spalle; si dice che sia stato scoperto in India nel XVII secolo e, secondo la leggenda, venne rubato dall’occhio di una scultura dedicata alla dea Sita, sposa di Rama, il settimo Avatar di Vishnù.

Esistono centinaia di racconti, per lo più non confermati da prove tangibili, di terribili disgrazie accadute ai loro proprietari; come quella della persona che se ne impossessò per primo, sbranato da cani randagi, o quella di un’attrice Francese, assassinata brutalmente dal suo amante. Certo, tutte le storie di mistero possono essere anche una buona pubblicità, per aumentare la fama di questo oggetto. Che se ne parli bene, o se ne parli male, l’importante è che se ne parli.

LA MALEDIZIONE DI SUPERMAN

Anche questa è una maledizione abbastanza conosciuta, legata alle sfortunate circostanze delle quali sono cadute vittime alcuni attori che hanno interpretato, o rifiutato d’interpretare il famoso supereroe.

Kirk Alyn, rifiutò nel 1950 di interpretare Superman per il grande schermo, passando il testimone a George Reeves. Da quel momento la sua carriera subì un brutto colpo, e per moltissimi anni non venne più richiesto in nessuna produzione cinematografica. George Reeves morì un anno dopo aver interpretato il personaggio. Christopher Reeve, fu vittima di un terribile incidente a cavallo nel 1995, che lo lasciò quadriplegico e lo portò alla morte nel 2004. Dean Cain e Brandon Routh, interpretarono l’eroe successivamente, e anche le loro carriere si fermarono improvvisamente.

L’ultimo Superman è stato Henry Cavill, e si può affermare che per il momento non gli sia ancora successo nulla di male. Speriamo che non debba subire anche lui la maledizione per aver indossato i panni del famoso supereroe.

LITTLE BASTARD

Di questa maledizione ne parlai già nel video “5 oggetti maledetti che esistono davvero”, di cui ti lascio il link in descrizione. La Porsche 550 Spider di James Dean, denominata da lui stesso “Little Bastard”, sarebbe stata la responsabile della morte prematura dell’attore.

La leggenda racconta di molti altri fatti terribili che l’hanno vista protagonista negli anni successivi. Incidenti mortali, lesioni gravi delle persone che entrarono in contatto con la stessa, o semplicemente con alcuni dei suoi componenti meccanici, ecc… Solo coincidenze, oppure c’è qualcosa di più?

IL CLUB DEI 27

Anche questa è una maledizione che si è resa molto famosa, e di cui si è tornato a parlare a seguito della morte di Amy Winehouse.

Il club dei 27, si riferisce al gran numero di cantanti e musicisti di fama mondiale che persero la vita all’età di 27 anni. Come dicevamo, l’ultima vittima della supposta maledizione sarebbe Amy Winehouse, ma la lista di personaggi che subirono la stessa sorte prima di lei è lunga: Kurt Cobain, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Robert Johnson e Jim Morrison, per menzionarne solo alcuni.

Certo, la maggior parte di loro furono vittime degli eccessi, di una vita portata al limite, ma perché tutti morirono all’età di 27 anni? Cosa c’è di così speciale in questo numero? Anche in questo caso solo una sfortunata coincidenza?

Allora, cosa ne pensi di queste maledizioni? Le conoscevi tutte? Ce n’è qualcuna in particolare che ti piacerebbe esaminassi più in dettaglio? Magari, in un video dedicato esclusivamente alla stessa? Fammelo sapere in un commento.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi marcati con * sono obbligatori